Metalli spazzolati

In questo tutorial andremo a vedere come gestire i parametri di ANISOTROPIA all'interno del layer reflection per generare effetti più realistici.
Tra le possibilità presenti all'interno del nuovo V-Ray for Rhino, è stata introdotta la gestione più dettagliata del parametro di ANISOTROPIA, cioè la possibilità di replicare una caratteristica fisica vera e propria di alcuni materiali, nel nostro caso un metallo, che rifletta la luce in modo non uniforme, ma in rapporto alle lavorazioni subite e alla posizione della sorgente luminosa.
Non appena modifichiamo i parametri di Glossiness (per questo esempio impostati a 0.7 sia Hilight che Reflect) si attivano automaticamente i parametri di ANISOTROPY.
Cambiando il primo valore a disposizione, Anisotropy appunto, ed impostandolo ad esempio a 0.8, possiamo notare immediatamente come il riflesso si modifichi, seguendo in modo differente la superficie al quale è applicato il materiale.
Il secondo parametro a disposizione è quello di rotazione, che ci consentirebbe di gestire la direzione di anisotropia del materiale oppure, come nell'esempio che stiamo per vedere, possiamo mappare la rotazione in modo da ottenere un effetto spazzolato del metallo. Come in tutte le mappature clicchiamo sulla “m” ed accediamo alla gestione della mappatura,
inserendo un'immagine a toni di grigio come quella a lato ed osserviamone l'effetto. Tutta la superficie riflette in modo differente rispetto alla nostra mappa, al punto di vista della camera ed ovviamente rispetto alle fonti luminose.
Inserendo anche una HDRI nell'enviroment possiamo notare anche che effettivamente non si tratta di un effetto di texture, ma il parametro Anisotropy riflette in modo reale l'ambiente che abbiamo appena modificato.
Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Tutorial